I pareri di lettura
cover.orso.big

Nicola Grossi
Orso, buco!

Parere di Fiammetta Giorgi

Laureata in lettere classiche, dopo anni di esperienza come redattrice, ha affrontato il mestiere di traduttore dal tedesco e dall’inglese, specializzandosi in narrativa per ragazzi (fra gli autori tradotti Christine...

Leggi tutto

La storia
Si può raccontare una storia a bambini in età prescolare usando solo poche parole, forme semplicissime e colori? Sembrerebbe un’ardua sfida, ma in questo caso l’autrice c’è riuscita perfettamente creando un tormentone allegro che coinvolge bambino e adulto in un gioco che gratifica l’umore e la fantasia. «Orso si è perso e non trova più la sua tana, si mette in cammino e all’improvviso… Badabum! casca in un buco. Ma è la tana di Volpe!» Volpe si unisce a Orso nella ricerca della tana e presto anche Rospo, Formica ed Elefante si affiancheranno loro nel cammino avventuroso verso il finale a sorpresa. Cos’è che diverte e stupisce in questo delizioso racconto? Orso è solo un grosso cerchio marrone, come Formica è un cerchiolino nero, e il loro cammino attraverso il deserto sarà una striscia gialla o il loro zigzagare nel bosco una linea verde a zigzag. Eppure adulto e bambino non esitano neppure un attimo a decifrare la storia e a entrare nel gioco, seguendo le linee e cercando di evitare i buchi… oppure cadendoci con una risata.

I personaggi
Orso, Volpe, Rospo, Formica ed Elefante in cammino attraverso boschi, fiumi e deserti alla ricerca della tana di Orso.

La lingua
Poche parole, macchie di colore, ritmo e onomatopee: una pulizia e un’immediatezza che ricordano la tradizione di Bruno Munari e Leo Lionni. E non inganni l’apparente semplicità che in realtà nasconde una sicura confidenza nell’uso dei propri strumenti espressivi perché, per citare Munari stesso, «Complicare è facile, semplificare è difficile». La solidità della tradizione, quindi, ma anche l’innovazione perché la storia non finisce quando il libro si chiude: chi voglia continuare può trovare ulteriori stimoli nel minisito dedicato al libro.

Perché tradurlo?
A chi legga Orso, buco! risulta immediatamente spontaneo associarlo a due grandi capolavori di fama internazionale: Piccolo Blu e piccolo Giallo [Little Blue and Little Yellow]di Leo Lionni e A caccia dell’orso [We’re Going on a Bear Hunt] di Helen Oxenbury e Michael Rosen. Al primo per la semplice eppur geniale idea di utilizzare macchie di colore per evocare personaggi e storie, al secondo per l’uso delle onomatopee che divengono un umoristico Leitmotiv, il senso del ritmo, ma soprattutto per la capacità di coinvolgere adulto e bambini in una giocosa messinscena. Non stupisce leggere nella sua biografia che Nicola Grossi unisce alla passione della letteratura per l’infanzia quella per la musica e per il teatro per bambini: è evidente che mentre scriveva aveva perfettamente idea di come utilizzarlo per coinvolgere attivamente i suoi lettori. Le sue caratteristiche lo rendono piacevolmente fruibile anche in altre lingue.

Hanno detto
Se pensate di faticare nell’individuare un orso in un cerchio marrone o un deserto in una striscia gialla, state certi che il piccolo lettore con cui condividerete il libro non farà alcuna difficoltà. La forza di Orso, buco! sta proprio nella sua semplicità
Ilaria Cairoli, Panorama

(…) insieme a ritmi e suoni, forme e colori, l’autrice offre a ciascun bambino la libertà di immaginare, indagare e interpretare quanto sta dentro e oltre la storia.
dalla motivazione della giuria del premio Nati per Leggere 2014

 

Nicola Grossi, laureata in Lettere moderne presso l’Università di Urbino, si specializza in antropologia culturale a Bologna dove entra a far parte del progetto nazionale Nati per Leggere come lettrice volontaria presso la biblioteca Salaborsa Ragazzi. Insieme a un gruppo di musicisti fonda c’eraunanota, associazione culturale con lo scopo di diffondere la letteratura e la musica nell’infanzia tramite allestimenti teatrali. Nel 2013 pubblica per minibombo il suo primo libro, Orso, buco!, vincitore dei premi Orbil e Nati per Leggere. 

26 gennaio 2015

Inserisci qui il testo del help
Partners Ministero degli Affari Esteri Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Centro per il libro e la lettura AIE - Associazione Italiana Editori Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori Fondazione Cariplo
In collaborazione con Comune di Milano Comune di Milano Comune di Milano IBF - International Book Forum Expo 2015
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie